PER CHI: Datori di lavoro privati: (imprenditori individuali, società, comprese le società cooperative, consorzi, onlus, associazioni) che hanno assunto almeno una donna con figli minori che ha stipulato il CdR e che attraverso la progettazione e alla realizzazione dei Piani WELFLEX potranno introdurre e/o potenziare modelli flessibili di organizzazione del lavoro e attivazione di servizi di conciliazione, in grado di creare le condizioni per la permanenza delle donne nel mercato del lavoro e, nello stesso tempo, implementare misure per potenziare la qualità, l’efficienza e la produttività.

Sono esclusi i soggetti pubblici comprese le società partecipate in totale o in parte da amministrazioni pubbliche.

Donne con figli minori a carico assunte a seguito della stipula del CdR per le quali è prevista l’erogazione di un bonus di conciliazione, per le spese di cura dei figli nel primo periodo di inserimento lavorativo. Tale periodo è comunque non superiore a 6 mesi.

QUANDO: I progetti devono essere presentati esclusivamente attraverso la procedura telematica accessibile dal sito www.regione.lazio.it/sigem a decorrere dalle ore 10,00 del 27 febbraio 2017 e fino all’esaurimento delle risorse finanziarie. La procedura telematica è disponibile in un’area riservata del sito, accessibile previa registrazione del soggetto proponente e successivo rilascio delle credenziali di accesso (nome utente e password).

COSA: Facilitare l’inserimento lavorativo delle donne destinatarie del Contratto di Ricollocazione (CdR) dell’avviso "Adesione al Contratto di ricollocazione per le donne con figli minori" (DD n. G08986/2016) e insieme incentivare i datori di lavoro privati a migliorare le condizioni organizzative per favorire l’assunzione delle donne, con impegni di cura, affinché possano entrare nel mercato del lavoro in modo stabile nel tempo. E’ questo l’obiettivo dell’avviso pubblico “Sviluppo dei Piani Welflex Produttività ed equilibrio vita-lavoro nell'ambito del Contratto di Ricollocazione” che, per le donne assunte a seguito della stipula del CdR prevede anche un bonus di conciliazione finalizzato all’acquisto di servizi per l’infanzia (asilo nido, babysitting, tagesmutter, ludoteca, ecc.) per un periodo massimo di 6 mesi.

CONDIZIONI ECONOMICHE: Si tratta quindi di un avviso integrato articolato in due sezioni, una che ha come destinatari i datori di lavoro privati che hanno assunto almeno una donna che ha stipulato il CdR e l’altra alle donne assunte dai datori di lavoro privati a seguito della stipula del CdR, la cui dotazione – complessivamente 2 milioni 550mila euro - è destinata al finanziamento: •della progettazione e della realizzazione di Piani WELFLEX – produttività, flessibilità e conciliazione vita-lavoro (di seguito Piani), che prevedono l’introduzione di misure di flessibilità oraria, organizzativa e welfare aziendale, funzionale a recuperi di qualità, efficienza e produttività per coloro che assumono le donne che hanno stipulato il CdR (1.850.000 – un milione ottocento cinquantamila/00 euro);
•di bonus di conciliazione destinati alle donne con figli minori che hanno stipulato il CdR e saranno assunte, anche indipendentemente dalla partecipazione dei datori di lavoro privati ai Piani (700.000 settecentomila/00 euro).

LINK: http://www.regione.lazio.it/rl_lavoro/?vw=documentazioneDettaglio&id=39371