Nessuno ha mai svenduto gli impianti del consorzio. Al contrario siamo diventati proprietari di una società pubblica che gestisce il maggior numero degli impianti a livello regionale continuando, però, a essere proprietari delle nostre strutture.  Siamo stati lungimiranti creando un progetto epocale. Solo attraverso le sinergie si può creare sviluppo. Occorre uscire dal campanilismo per dar vita a progettualità condivise come la messa in sicurezza della strada di accesso agli impianti di depurazione. Stiamo lavorando in questa direzione per dare le risposte che il territorio e le aziende si attendono. A questo si unisce la nostra azione per riportare dopo anni in sicurezza tutta l’area industriale Fca o per incrementare la viabilità verso la Weber di Aquino. Piccoli passi ma che segnano l’inizio di un nuovo percorso che, ne sono sicuro, sarà particolarmente virtuoso e positivo per tutto il territorio. E per farlo occorre collaborazione tra gli enti. Particolarmente importante è anche il settore turistico-culturale. Il nostro territorio è pieno di grandi attrattive che devono essere valorizzate. Ecco perché il Cosilam già diversi mesi fa ha attivato uno sportello del turismo grazie al quale si stanno predisponendo nuove progettualità per aiutare e incentivare questo settore troppo spesso messo da parte”. Lo ha affermato il Presidente del Cosilam Pietro Zola durante il convegno “Asi e Cosilam sinergie e opportunità per il territorio”.

Archivio News

Powered by mod LCA